Ovodonazione, la tecnica piu' efficace nell'ambito della riproduzione assistita

E-mail: info@procrea.ch | Tel.: +41 91 924 55 55 dall'Italia senza costi aggiuntivi: +39 02 600 630 41

 

Per maggiori informazioni vi invitiamo a visitare la pagina dedicata:

www.procrea-ovodonazione.it

 

L'ovodonazione per la fecondazione assistita, ovvero la donazione di ovociti, è al giorno d’oggi il trattamento più efficace nell’ambito della riproduzione assistita.

La percentuale di successo attuale per ogni tentativo è del 60-70% circa.
Nei casi in cui si dovessero fare più tentativi, il tasso di gravidanza accumulato, raggiunge il 90%, dopo un massimo di quattro tentativi.

Le indicazioni per accedere al programma di ovodonazione sono le seguenti :

  • esaurimento della funzione ovarica;
  • menopausa precoce fisiologica;
  • menopausa chirurgica (asportazione parziale o totale delle ovaie);
  • malattie genetiche trasmissibili alla prole;
  • plurimi fallimenti di fecondazione nelle tecniche di procreazione assistita;
  • plurimi fallimenti di annidamento embrionale;
  • endometriosi.

Per motivi medici si accettano per il trattamento, donne fino ad un’età massima di 50 anni compiuti.
Inoltre, a partire da 45 anni, se la paziente è convinta di procedere con l’ovodonazione, al primo colloquio si richiede un certificato del suo medico curante con il quale dichiara che la paziente è in buona salute e che non c’è nessuna controindicazione affinché affronti una gravidanza.

Prima del trasferimento degli embrioni, si prepara la mucosa uterina con un trattamento ormonale.

Il programma di ovodonazione è basato su un flusso continuo di donanti di ovociti.

Sulle donatrici di ovociti vengono eseguiti tutti gli esami necessari per evitare malformazioni e malattie a trasmissione sessuale.

Il giorno del primo colloquio il marito/compagno, potrà effettuare una raccolta di liquido seminale che verrà congelata ed inviata presso il centro di collaborazione con l’intenzione di utilizzarla successivamente per la fecondazione ovocitaria ed in questo modo, evitare un viaggio supplementare.
Per detto motivo, consigliamo un’astinenza minima di un giorno, massima di tre giorni.

Siamo comunque sempre a vostra disposizione per un contatto diretto al fine di fornirvi maggiori informazioni e dettagli sulla procedura di ovodonazione.